Vai al contenuto

Padova: misteri e aneddoti che ne raccontano il fascino segreto

Vivere la città di Padova significa immergersi in un affascinante mondo di segreti e misteri che rendono la città un luogo unico e intriso di fascino. La città a chi vorrà scoprirla si rivela dai mille volti, intrecciando storia, leggende e architettura in un affascinante mosaico di misteri, facciamo un esempio: Sant’Antonio da Padova, universalmente conosciuto come “Il Santo”, trasmette un’anomalia linguistica: il suo nome è spesso implicito, tanto che la Basilica eretta in suo onore è chiamata semplicemente “Basilica del Santo”. Tanto che spesso si dice di Padova che è una città dal santo senza nome. Ogni angolo della città sembra celare un segreto, trasformando la sua esplorazione in un’avventura continua tra passato e presente: scopriamo allora alcuni dei punti iconici da visitare.

Il capitello senza colonna in Piazza delle Erbe e il cavallo senza cavaliere al Palazzo della Ragione

Camminando per Piazza delle Erbe, potresti notare un particolare capitello apparentemente privo di colonna. La leggenda narra di un furto notturno da parte dei vicentini; tuttavia, la verità è altrettanto affascinante. Sembrerebbe che la mancanza di colonna sia stata deliberata per consentire l’accesso al portico da parte dei carretti che trasportavano merci. Una soluzione pratica che si trasforma in un enigma visivo.

Continuando questa esplorazione possiamo scoprire come all’interno di Palazzo della Ragione, un grande cavallo di legno senza cavaliere cattura l’attenzione dei visitatori ed è modellato sul monumento al Gattamelatta in Piazza del Santo.

Il caffè Pedrocchi e la stazione di Padova

Il Caffè Pedrocchi, icona di Padova, ha un aneddoto particolare legato alle sue porte. Si narra che questo luogo fosse aperto giorno e notte fino al 1916, quando iniziò a chiudere di sera durante la Prima Guerra Mondiale per evitare di attirare l’attenzione degli austriaci durante i bombardamenti. Un’atmosfera senza tempo che si svela attraverso la storia di uno dei luoghi più amati della città.

Infine, sebbene possa sembrare strano anche la stazione di Padova nasconde un mistero, una sottigliezza che sfugge all’occhio inesperto: la mancanza della banchina per il binario 4. Le rotaie sono presenti, ma sembra che questo binario sia riservato esclusivamente al passaggio dei treni merci.

L’orologio astronomico di Padova e il simbolo dell’Università

Alzando lo sguardo sotto la Torre dell’Orologio in Piazza dei Signori, si nota l’assenza del segno zodiacale della Bilancia. La leggenda suggerisce una ripicca del costruttore nei confronti del committente, ma la verità risiede nel fatto che, al tempo della costruzione, la Bilancia non era ancora riconosciuta come costellazione autonoma nell’astronomia greca.

Il Palazzo del Bo, simbolo dell’Università di Padova, presenta un emblema intrigante: un bucranio, il teschio di un bue senza corna. Questo simbolo deriverebbe dall’antica locanda Hospitium Bovis, situata nella stessa sede del Palazzo del Bo. Un legame con la storia commerciale della città che si manifesta attraverso questo curioso simbolo.

Il duomo senza facciata: la basilica cattedrale di Santa Maria Assunta

La Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta, comunemente conosciuta come il Duomo di Padova, svela un dettaglio architettonico affascinante: la facciata rimasta incompiuta. Nonostante la realizzazione della struttura nel XVI e XVIII secolo, la facciata grandiosa progettata da Girolamo Frigimelica fu danneggiata durante i bombardamenti della Prima Guerra Mondiale, aggiungendo una nota di mistero all’architettura della città.

Il campanile senza chiesa

Un campanile senza chiesa, visibile all’incrocio tra via San Fermo e via Giovanni Cittadella, sottolinea un capitolo perduto della storia di Padova. La presenza di una chiesa distrutta nel corso del tempo suggerisce una narrazione antica e misteriosa che si dissolve nel tessuto urbano moderno.

Ecco che pernottare a Padova è essenziale per immergersi appieno nei misteri della città e apprezzarne i monumenti sotto una luce diversa. La vita notturna offre atmosfere uniche, rendendo il soggiorno un’esperienza completa. Per ottimizzare la scelta dell’alloggio, prenotare un appartamento online è il modo più intelligente per programmare un viaggio senza stress.

.

Newsletter

Inserisci la tua e-mail e resta aggiornato su offerte & sconti lastminute per soggiornare in Veneto